×

Editoriale

Derek Lam riprende il filo del discorso sugli anni ’70 cominciato nella scorsa stagione ma lo semplifica ulteriormente, portando in passerella una collezione pulita e insieme funzionale, che mixa casual e sportswear e predilige forme oversize. I pull hanno maniche extra-long, i pantaloni sono ampi e scampanati, i trench e i coat in lana hanno maxi-colli e toccano quasi il polpaccio, gli abiti ampie gonne a corolla. Motivo ricorrente le impunture a contrasto e le bande colorate che su maglie e pantaloni danno un twist atletico, mentre l’uso del suede e del marrone concorrono a creare l’atmosfera Seventies tanto cara al designer. Un altro capo iconico del periodo, la dolcevita, compare in quasi tutti i look, con il particolare di un bottone metallico applicato sul collo a costine, mentre le sovrapposizioni, coatigan lunghi, zippati o con maxi-bottoni e soprabiti smanicati su pantaloni ampi soddisfano un primario desiderio di comodità.