×

Editoriale

Uno spirito Sixties à la Courrèges caratterizza la collezione di David Koma, le cui linee, che sembrano tagliate con il cutter, si lasciano andare a qualche frivolezza, come le maniche svasate e ondulate dei top e degli abiti e l’orlo con volant delle mini-gonne. Pulizia e rigore lasciano comunque spazio alla sensualità che si manifesta attraverso silhouette avvitate, cut-out a oblò sul petto e sull’addome, spacchi frontali a volte svelati da chiusure a zip, sottostrati a rete e intrecci di macramè a contrasto su una base color carne, il tutto su abiti prevalentemente mini, con top spesso a collo alto, gonna svasata e cintura tecnica in vita. Altro dettaglio ricorrente, gli inserti in pelle sui top e all’altezza delle tasche e strisce laccate con fibbia metallica che attraversano le superfici, mentre nel finale intervengono effetti glitter ottenuti dai cristalli.