×

Editoriale

Non c’è bisogno di scoprire per essere seducenti. Lo sa Damir Doma che costruisce una collezione fatta di sovrapposizioni e forme allungate. La maglieria gioca un ruolo importante: maglioncini con le trecce con oblò sulle maniche oppure esageratamente lunghi, anche a righe in versione golfino. Doma non bada alle sovrabbondanze e quindi abbina questi capi a lunghe gonne proposte anche con bottoni davanti. I pantaloni sono molto ampi o dal taglio maschile: si portano con il biker, con il giacchino modello bomber, il boxy dagli ampi revers o la giacca dalla leggera simmetria dal taglio geometrico. Gli abiti sono morbidi ma riprendono la silhouette femminile con balze o spacchi o nodi laterali per dare movimento. I tessuti e i materiali come la lana, il velluto e la pelle, sono imperfetti e caldi anche grazie ai toni dell’arancione e del marrone. A completare il quadro non manca il nero e il bianco calce.