×

Editoriale

La femminilità è urbana. Vive di contrasti e connessioni. Damir Doma plasma rigore e athleisure, spirito nomade e semplicità. Sceglie forme pulite e sinuose. Il minimalismo si fa curvilineo. Abiti fluidi, monocromatici, senza orpelli, propongono un dinamismo nuovo, di volant profilati in giallo. Gonne doubleface a portafoglio lasciano ampi spacchi, accompagnati da lievi panneggi. Vitaminici chemisier si animano di drappeggi e annodature di lembi di tessuto sul petto, di forte impatto visivo. Gli accostamenti creano sinergie cromatiche, abbinando texture diverse, tartan e check, tessuti rigati, stampe foulard. Blazer e gonne sartoriali donano un tocco raffinato ai look più atletici, mostrano le variabili di un’eleganza sportiva. La maglieria strizza l’occhio ad uno stile nomade, grazie ad avvolgenti cardigan con fili fluttuanti. La collezione si accende di armonie vermiglio, aragosta, e blu elettrico, per un mood fresco, spontaneo, eclettico.