×

Editoriale

Ispirata alla pittura scultorea dell’artista contemporaneo svedese Matthias van Arkel, la nuova collezione di Dagmar è il risultato dell’accostamento tra diversi tipi di materiali e di tagli con un approccio minimalista e insieme rilassato. I capi sono infatti essenziali, ci sono abiti e gonne di varie lunghezze, pantaloni classici, anche in versione shorts e ovviamente tanti pezzi knitwear, che è la specialità della maison. La particolarità sta in come le superfici sono plasmate in fini plissettature o piegate a creare dei leggeri accartocciamenti, come su alcuni top asimmetrici, mentre in altri look spiccano accattivanti contrasti materici come tra maglia e suede o stampe bicolori che si rifanno all’opera di Van Arkel ‘Gobelin’.