×

Editoriale

La sensualità non passa necessariamente attraverso un vedere sfacciato come dimostra Ennio Capasa che ha immaginato per Costume National una donna sinuosa, femminile benché ben abbottonata. Con la sua moda si pone l’accento sulla personalità di chi sprigiona fascino con capi morbidi, cappotti e giacche dal taglio militare, montoni, pigiami di velluto, e gonne sotto il ginocchio. Tolgono rigore alla disciplina qualche spalla scoperta e timide trasparenze insieme a ruche che donano un tocco romantico ad abiti e look multistrato. Sono poche le concessioni al colore e alle grafiche: ricche le gradazioni del viola che vanno a confondersi con quelle del blu, nero e verde formano una coppia cromatica e il rosso compare in tutto il suo splendore su velluto e seta. Sarà per questo che il cappotto di lurex verde colpisce in passerella anche se non mancano piccoli bagliori nei capospalla, nei bottoni dei pantaloni che corrono lungo la gamba o nel lamé di abiti per la sera.