×

Editoriale

Righe, righe e ancora righe. Righe verticali, orizzontali e trasversali che insieme ad asimmetrie e pannelli sovrapposti creano un distorto effetto optical su gonne, top, piumini e pantaloni. In aggiunta c’è l’uso dei materiali e delle nuance cromatiche che Christian Wijnants manipola con sapienza dando forma a capospalla oversize come il montone rovesciato acquamarina o il coat della stessa tonalità, che sembra in velluto e invece si rivela in neoprene floccato. E ancora il tailleur e i cappotti avorio che sembrano decorati con pennellate di colore che si rivelano invece minuscole applicazioni di swarovski neri, i pantaloni a ¾ in bouclé, canotte lucide e sottili sovrapposte a T-shirt in maglina o a camicie o che spuntano da pull corposi. Insieme a maxi-pochette bouclé con dettagli metal e lunghi guanti in pelle.