×

Editoriale

Natacha Ramsay-Levi immerge la ragazza Chloé nelle sue atmosfere preferite ovvero modernismo hippie e New Age in salsa ibicenco-marocchina, facendo un grande uso di trame e tessuti che evocano i più svariati esotismi, dai motivi ceramici di una fitta maglia di ciniglia a quelli a tappeto persiano in una miscela di viscosa e seta intrecciata in un plissé fino alla miriade di stampe foulard che caratterizzano tutta la collezione. E anche i capi si adattano al mood: top cropped e mini-gonne fluttuanti, casacche che fanno da mini-abito, pantaloni svasati e con orli spesso frangiati, long dress da dea finemente plissettati, il tutto arricchito da una stratificazione di gioielli: orecchini scultorei, collane e bracciali simili a talismani, cavigliere e anelli sulle dita dei piedi e, su quasi tutti i look, una lunga cintura di corda con le estremità pendenti. Come calzature, sandali infradito bassi.