×

Editoriale

I creativi di Cheap Monday prendono spunto dal celebre romanzo ‘Il signore delle mosche’ e mandano in passerella naufraghe sopravvissute ad un disastro aereo, volti anneriti dal fumo e look finto-trasandato fatto di sovrapposizioni e forme oversize, con qualche elemento preso in prestito dal guardaroba maschile. Il risultato è un punk rivisitato che mixa militare e tribale, mantenendosi sui toni del nero e del grigio e ricorrendo a rattoppature e strappi su jeans scoloriti, leggings e maglie per enfatizzare l’effetto dimesso. Capi in pelle come giacche da biker, pantaloni con stringhe laterali e gonne si portano con pull corposi e sciarpe avvolgenti, mentre maglie e camicie, portate fuori dai pantaloni, hanno fantasie check e righe piratesche. Massicci, stringati e con para di gomma gli stivali, una via di mezzo tra anfibi e scarponi da neve per ogni avversità meteorologica (e non).