×

Editoriale

La navicella spaziale proveniente dalla galassia Chanel atterra sul Grand Palais di Parigi con il suo equipaggio algido e scintillante, che porta coroncine di perle e swarovski sui capelli cotonati, collant e stivali bicolore glitterati. L’iconico tailleur di tweed diventa futuristico, la giacca si allunga e si porta con minigonne e/o bermuda, in tweed bouclé anche gli abiti, con colli rigidi come quelli delle tute spaziali e i coat, mono e doppiopetto, anche in versione extralong con fodera a contrasto. Certe giacche si portano con mantelline trapuntate metalliche che sembrano coperte termiche e se le braccia restano nude ci sono chiccosi scaldabraccia in lana, sempre iridescenti. Stampe di astronauti e di luna e pianeti caratterizzano dress fluidi e maglie girocollo, fino al gran finale in cui costellazioni di cristalli e paillette decorano le mise da gran sera.