×

Editoriale

Di qualunque marchio sia direttore creativo, Hedi Slimane imprime il proprio codice stilistico senza se e senza ma, così è anche per Celine, che in realtà non è Celine ma è, semplicemente, Hedi. È evidente dalla prima uscita della sua collezione di debutto per il menswear, un completo doppiopetto con camicia bianca, cravatta nera sottilissima, pantaloni con risvolto su stivaletti stringati in total black. E i successivi 65 look sono un’alternanza tra formal e casualwear che seguono più o meno lo stesso mood, tanto nero, cravatte finissime, calzature da rocker, con una miriade di capospalla che vanno dalla giacca da biker in pelle allo shearling, dal cappotto in tweed al soprabito animalier al parka. E, sotto, oltre alla quasi sempiterna camicia bianca, il pull girocollo, il dolcevita esistenziale, la marinière, completati da sciarpetta girata attorno al collo e occhiali da sole anche quando piove.