×

Editoriale

Molto signora, molto upper class, la donna di Carolina Herrera sfila al Frick Collection, museo chiccoso sulla Fifth Avenue, ubicato nell’ex residenza del magnate dell’acciaio Henry Clay Frick. Eppure niente sguardi al passato né nostalgie, piuttosto un anelito al futuro e alle nuove tecnologie come i ricami floreali tridimensionali in pelle applicati sulle superfici degli abiti, prevalentemente long dress svasati. Quasi banditi i pantaloni, tre/quattro uscite su quaranta, sfilano gonne di varie lunghezze, dalla longuette a pieghe alla mini con orlo a contrasto, abbinate a bluse fluide o top in pelliccia, mentre torna la voglia di sperimentare con le mise da sera osando, ad esempio, l’abbinamento tra una maglia nera luccicante ed una gonna in gazar verde menta.