×

Editoriale

Una collezione che cita Matisse. Sono un invito alla gioia di vivere gli abiti pensati per la stagione calda dalla maison di Roberto Capucci, che ripesca la tradizione che ha fatto la storia della moda italiana e la intinge nel colore. Capucci prende infatti in prestito la tavolozza del pittore espressionista e usa le sfumature del rosa, il salmone, il rosso che fanno da contraltare al blu cobalto e i colori del cielo e del mare con inserti di giallo e toni del verde. Il classico è quindi rivisitato con le creazioni che giocano con nastri multicolor o con picchi di georgette in gradazione oppure con le organze ricamate magistralmente a mano proprio come accadeva in sartoria. Gli abiti da sera sono l’evoluzione dei tubini neri: si presentano con tinte decise e fiocchi che impreziosiscono la schiena. Non solo cocktail per la donna Capucci ma anche t-shirt, felpe e camicie che usano il bianco per essere adatte ad ogni situazione.