×

Editoriale

Romantica e pragmatica. È la stessa Anna Molinari a dare la chiave di lettura della collezione Blumarine. Se il romanticismo della stilista si dà per scontato, questo non accade per il pragmatismo, che si traduce in passerella con l’inserto di capi che donano un pizzico di concretezza alla leggerezza dei tessuti eterei nelle tinte pastello. Come il lungo cappotto, smanicato o morbido, che sembra proteggere quel vestito che si mostra fragile. La giacca o il gilet è comunque femminile e non smorza tulle o chiffon perché al posto dei revers ci sono balze. Il pantalone è ampio e con spacchi laterali. E quando le linee sono più decise e pulite, un fiocco rende tutto più lezioso. Le trasparenze sono arricchite di ricami e paillette in abbondanza: chi acquista il capo, inoltre, si aggiudica un sacchetto di fiori ricamati da sistemare come preferisce.