×

Editoriale

Dopo il debutto dello scorso anno a Pitti Immagine Uomo, Shinpei Yamagishi approda a Milano con il suo Bed j.w. Ford, proponendo un guardaroba che rispecchia il proprio, con l’idea di creare un dialogo tra stile personale ed evoluzione del brand. Tra ricerca di un design innovativo, dressing up e genderless, spiccano sovrapposizioni e giochi cromatici tra neutri e tinte più audaci e tra casual e sartoriale, con tessuti che vanno da lana, seta e pelle al più tecnico nylon. I capi si presentano fluidi, con linee oversize, sia per i capospalla, che hanno fodere su cui campeggiano grandi ragnatele, e i completi doppiopetto dalle giacche senza collo che cadono morbidi sui pantaloni con doppio fondo, sia per i maglioni e le camicie da cui pendono lacci e pannelli asimmetrici bordati da frange, un po’ come se fossero foulard inglobati. E per l’occasione, in passerella anche il progetto con Adidas anticipato all’ultima edizione di Pitti.