×

Editoriale

Una collezione gotica e a tratti post-apocalittica quella di Barbara I Gongini che porta in passerella i paesaggi aspri del Nord, fatti di mari scuri e di coste frastagliate. La propensione della designer per uno stile agender si esprime qui in forme decostruite e sbrindellate, rigorosamente in total black, fatta eccezione per dei look a strisce bianco-nero. Accessoriate di maxi-catene od altri monili pesanti da portare al collo, le sue sembrano tante guerriere à la Mad Max, con ragnatele di maglia abbarbicate su un braccio o su una gamba e sottili vesti asimmetriche decorate da stringhe volanti o con maniche tagliate o ancora cut-out, a volte stratificate, altre sovrapposte da giacche o coat, anche smanicati. Ai piedi scarpe solide, spesso con zeppe massicce.