×

Editoriale

Le chiusure asimmetriche dei capospalla che aprono la sfilata di Balenciaga, il direttore creativo Demna Gvasalia le ha viste sfogliando almeno 30 anni di lookbook del fondatore della Maison; così ecco tutta una serie di coat abbottonati di traverso, che passano poi il testimone a look che fondono classico e streetwear, con dolcevita portati dentro gonne affusolate realizzate con i tappetini delle automobili. C’è poi tutta una sezione dedicata alle stampe floreali, con abiti ariosi e svasati a pieghe e babydoll ultracorti portati con collant coprenti colorati, prima del gran finale in cui Gvasalia ripropone, per il centenario del marchio, una serie di abiti couture dai maxi-volumi accompagnati da borse altrettanto oversize a tono che fanno un tutt’uno con il vestito.