×

Editoriale

Che Aquilano.Rimondi siano un duo che chiude ogni possibile apertura al caos, privandolo perennemente di consistenza, disegnando una figura schiva e intrigante dalla coesione interna, lo si nota da un dettaglio: non sono le maniche nella loro usuale frontalità ad essere ricamate. Tocca al difficile interno. Posizionare le preziosità nei luoghi meno frequentati mette al sicuro da qualsiasi banalità e permette di modellare una precisa configurazione delle cose; anche quando irrompe sulla passerella un soprabito slim interamente coperto di scaglie luminose, di paillette corpose e rotonde color argento. Se quest’ultimo rappresenta l’apoteosi di una ricerca croccante e minerale, nei cappotti gessati, nei tailleur puliti, nelle linee nette e affilate le più sussurrate ipotesi suggestive si avvicinano alla tipica poetica degli stilisti, ma è negli occhielli metallici, nei ritagli rigidi, nelle borchie e nelle luminescenze che emerge la forza del nuovo.