×

Editoriale

Anna Sui porta in passerella un collage nostalgico che mixa età vittoriana e controcultura di fine anni ’60 ottenendo un caleidoscopio cromatico e materico cui si aggiunge una gran varietà di accessori che vanno da occhiali da sole rotondi a cinture di passamaneria, da gioielli etnici a maxi-bisacce di tela. Immancabili i long dress da hippie stampati ma anche quelli tutti pizzi e merletti, le bluse folk e gli hot pants sfilacciati portati con stivali stringati, tutto su forme che vanno dall’ampio all’affusolato passando per le stratificazioni. Un tripudio di colori e materiali sfocia in combinazioni enfatizzate da effetti tie-dye e da stampe in stile Art Nouveau, da motivi etnici e simboli esoterici, per un felice inno alla libertà femminile.