×

Editoriale

‘Un guardaroba senza condizionamenti’ per la donna di Alberto Biani, disegnato per la città ma adatto anche ad una fuga verso il mare. Quindi ecco capi multifunzionali, abiti leggeri da sovrapporre ai pantaloni ampi, bluse fluide in fantasia etno-chic da portare dentro o fuori dai pantaloni, con o senza cintura, cui si aggiunge in certi look il gilet. Pezzi che si scompongono trasformandosi in una mantellina che copre le spalle o in un drappeggio frontale o, ancora, in uno spacco sulla schiena. La sartorialità di blazer e camicie si fonde con un’allure rilassata che ricorre anche a pezzi ‘pigiama’ in seta, entrambe coadiuvate da una palette polverosa che richiama le spezie ma che ricorre anche a tonalità minimali come beige, nero e grigio.