×

Editoriale

Impeccabile, raffinato, fiabesco. Albino Teodoro sceglie il colore. Smeraldo, acquamarina, fucsia, magenta, blu notte. Compone una collezione sofisticata, dalla profonda poesia sartoriale. I capospalla, morbidi, dalle grandi maniche, ospitano stampe araldiche, regali, ispirati alla tradizione dell’Alta Moda. Tailleur vitaminici e peacoat in cachemire di lana spazzolata presentano linee pulite, sono tagliati con precisione, come nuove uniformi iperfemminili. I trench sono lunghissimi, imbottiti, indossati sopra a tuniche in tono, stretti da una sottile cintura. Gli abiti sono lirici, con grandi drappeggi, arricciature, asimmetrie. Oppure sono lisci, simili a colonne, purissimi, candidi, fasciano la nuca con il dolcevita, scivolano fino alle caviglie, hanno maniche con alti spacchi. Vestiti totemici, color inchiostro, total black, presentano sagome pulite, essenziali, lineari. Minidress e suit sfoggiano maniche scultoree. Per una collezione votata all’eleganza e allo charme.