×

Editoriale

Phillip Lim, nel backstage della sfilata, cita come riferimenti della sua nuova collezione i ballerini di flamenco e il minimalismo anni ’90 e infatti, camicie, top cropped, gonne e abiti, oltre ad avere ruche, balze e svasature, mostrano quell’ariosità tipica dei costumi del ballo spagnolo. Accattivante la scelta di abbinarli a capi sartoriali come giacche e pantaloni gessati o a canotte ginniche oppure a pezzi streetwear come giubbini di jeans e pantaloni baggy. Frequente poi l’uso di righe e bande colorate anche in versione iridescente che danno all’insieme un tocco sportswear. Una varietà di trench, tutti smanicati e/o destrutturati, in tonalità insolite come verde acido o a motivi camouflage, accompagna diversi look attribuendogli un tocco urbano.