×

Editoriale

L’uomo nuovo di Donatella Versace fa tabula rasa del superfluo concentrandosi sull’essenziale: “No alle decorazioni, ai colori, alle stampe. Solo l’anima Versace: silhouette e tagli.” Detto fatto, ecco completi sartoriali puliti dalle linee verticali, con la giacca che si stringe intorno al busto e una piccola spilla dorata a decorare la cravatta a tono, mentre per i look più informali lunghe maglie di cachemire spuntano da giacche jacquard zippate con cappuccio accompagnate da sciarpe lunghe e avvolgenti. L’alternativa al pantalone classico con piega e risvolto sono leggings portati con sneakers alte con il velcro o calzoni ampi da rapper. Il cappuccio compare anche nella pelliccia, la pelliccia nella felpa, la felpa sull’abito formale in un mix di eleganza sportiva che non rinuncia a mettere in risalto il corpo, perché il nuovo Versace sarà anche ‘no frills’ ma sexy ancora sì. E lo (di)mostra.