×

Editoriale

Le vie della seta, i giardini zen, l’Oriente. Shirtaporter ne conosce i segreti, rivelandone l’essenza sofisticata e delicata. Realizza così una collezione che è un viaggio esotico. Propone simbologie orientali, leggende cinesi e giapponesi, immaginari della cultura del Sol Levante. Si susseguono stampe di flora e fauna, fondali marini e fioriture, carpe e pesci che nuotano in mezzo ai fiori, paesaggi onirici. Gli abiti hanno forme femminili, romantiche, le bordure si posano come onde alle estremità dei capi. E Shirtaporter non rinuncia ad un tocco in stile college americano anni Cinquanta, con patch e stemmi a comporre LOVE o appuntare iniziali. Non mancano dettagli che ricordano i Tatoo Old School: stampe come tatuaggi di marinai che navigano verso Oriente. Verso avventure che hanno le tonalità pesca, azzurro, rosa pallido, bianco e nero.