×

Editoriale

Rick Owens fa ciò che finora nessun designer aveva mai osato: cut out e profondissimi spacchi asimmetrici su inguine e parti annesse. Se a torsi, gambe e pelvi si era ormai abituati, questa novità delle prese d’aria all’altezza della zona sensibile per eccellenza del corpo maschile è un po’ un fulmine a ciel sereno, soprattutto quando spirano le fredde brezze invernali. Tant’è, beato quest’uomo che non ha bisogno di nient’altro che non sia una tunica dai buchi drappeggiati, realizzata con abiti rovesciati, con il sotto che diventa sopra e viceversa, in modo che il collo coincida proprio con quel cut out malandrino. Ma un’alternativa più coperta (e pudica) sembra esserci: tunichette boxy sovrapposte a bermuda over con cavallo sceso, coat in pelle nera o in lana doppiopetto con collo a contrasto, parka trapuntati e zippati, con i lacci del cappuccio che pendono extra-long.