×

Editoriale

Richiami cinematografici (uno su tutti ‘Blade Runner’), le culture che scivolano una nell’altra, un tocco punk che non si ritrova tanto nell’abbigliamento quanto nell’attitudine, lo stile college e un po’ vintage; tutto questo fa la nuova collezione di Raf Simons, che va in scena su di una passerella buia e piovosa. Inevitabili quindi gli ombrelli, i classici cappelli con tesa extralarge e fascia sottomento, gli stivali antipioggia e maxi-impermeabili mono o doppiopetto o con chiusure asimmetriche, proposti anche a maxi-check, su cui spiccano ganci metallici, portati a volte scesi su di una spalla a rivelare camicie con inserti a contrasto e la scritta ‘replicant’. Oversize anche blazer e maglioni, sovrapposti in certe uscite da pettorine-grembiule con stampe d’immagini fotografiche, mentre i pantaloni sono bermuda ampi sotto il ginocchio che non arrivano quasi a coprire il gambale dello stivale.