×

Editoriale

La prima collezione parigina di Proenza Schouler dopo l’addio a New York è un connubio equilibrato tra i codici stilistici del duo creativo McCollough-Hernandez e l’artigianato francese, di cui i due designer carpiscono tecniche e bellezza. Una couture di stampo americano dunque, che esordisce con una serie di top asimmetrici e gonne a matita con spacco centrale e orli al vivo, decorati da maxi-volant trasversali su cui vengono sovrapposti, nei look seguenti, dei reggiseni-imbracatura in pelle. Forte il contrasto quando le gonne sono abbinate a blazer allungati e coat floreali con spalle solide, mentre volant e drappeggi ritornano sugli abiti stretch in pizzo. L’artigianato francese si esprime tutto nelle micro-increspature dei tubini, nei nastri di seta pendenti degli abiti sottoveste floreali ulteriormente impreziositi da gancetti con occhielli e nelle mise finali tutte piume.