×

Editoriale

Una silhouette verticale e fluttuante che segue le linee di una A, quindi che si allarga scendendo e culmina in proporzioni oversize. Martin Grant vede così la sua donna per l’estate che verrà, un po’ eterea e un po’ ‘fumetto’, complici le stampe grafiche, tra cui una a ‘labirinto’ e le righe marinare che decorano le superfici. A vita altissima e con cintura i pantaloni iper-svasati portati con bluse fluide e camicie maschili, smanicate le tute con sopra aderente e sotto extralarge, svasati e/o a pieghe gonne e mini-dress di varie lunghezze, mentre certi filiformi tubini neri s’inseriscono tra un’esuberanza e l’altra ricordando che l’eccezione conferma la regola. E difatti la collezione si conclude con un long dress giallo, asimmetrico, con gonna a pieghe bombata e crinolina.