×

Editoriale

Occhi bistrati come un divo del muto, l’uomo Armani è a tutti gli effetti elegante e fascinoso come un attore di altri tempi. La Hollywood che re Giorgio amava da bambino è tutta qui, nella silhouette fitted, con la giacca slim a tre bottoni, i pantaloni che alzano la vita, con il bacino ampio e le pinces a richiamare i drappeggi del jodhpur, i toni ombrosi e vellutati che vanno dal grigio al blu al marrone con tocchi di carta da zucchero e di bordeaux. Continua il lavoro sulla destrutturazione del blazer che appare sempre più disossato, con spalle raglan, in certi look più simile ad un cardigan, in altri proposto alla coreana o doppiopetto molto accollato, comunque impalpabile e rilassato tanto da poterne sovrapporre uno all’altro. Giacca e pull sono spesso portati a pelle, a riscaldare ci pensano dei morbidi colli-bavaglio in maglia, in alternativa va sempre bene la camicia bianca, anche senza cravatta.