×

Editoriale

Ispirazione Giappone da Emporio Armani ma senza indulgenza verso esotismi o folclore; la proposta della seconda linea di re Giorgio è piuttosto un dialogo tra Est e Ovest, in cui l’eleganza minimale dell’iconografia giapponese s’incontra con la perfezione della sartorialità italiana dando vita a completi con giacche kimono, pantaloni ispirati alle arti marziali con una sorta di gonnella posteriore che si toglie tramite dei bottoni, blazer con delicati fiori di pesco stampati o con motivi calligrafici o, ancora, graffiti. Camicie e bluse hanno colletti alla coreana o chiusure a sbieco, poi ci sono bomber floreali o rosso lacca, giacche da biker di pelle traforata e ricamata, diversi modelli di pantaloni che vanno dai bermuda a quelli larghi al polpaccio con elastico in vita ai classici con le pince. Accessori come fascette in testa da lottatore, collane rigide con chiusure metalliche e spille con motivi a tema completano il mood.