×

Editoriale

Elie Saab trasforma un angolo del Grand Palais in un lembo di foresta amazzonica, il cui respiro è tradotto in abiti realizzati in materiali fluidi ed incorporei che scivolano sul corpo scoprendolo attraverso spacchi profondi, trasparenze, scolli e cut-out. Lunghe frange di seta sono il leitmotiv della collezione; compongono le gonne, decorano i top e le piccole borse a mano o a tracolla sotto forma di nappine ed anche i maxi-orecchini dorati. Abbonda la stampa pitonata utilizzata per giacche, foulard, mini e long dress, mentre fantasie vegetali fioriscono sui corpetti e sulle lunghe gonne a pieghe sotto forma di ricami, grafismi e tagli al laser. Anche l’uso del pizzo ha lo scopo di richiamare l’intrico selvaggio della foresta.