×

Editoriale

Anversa, crocevia di culture, idee, commerci e ricchezze, fa di nuovo da sfondo alla moda opulenta e raffinata di Dries Van Noten, incrociandosi stavolta con le tradizioni decorative del popolo Miao, minoranza etnica che vive nelle regioni meridionali della Cina e che continua a conservare i propri usi e costumi. Dalle loro vesti cerimoniali Van Noten prende spunto per i gioielli, gli intagli e le applicazioni d’argento che impreziosiscono coat, chiusi con alamari e/o con grandi colli di pelliccia, pull e gilet, sotto cui spuntano kilt sovrapposti a pantaloni di varie fogge, sportivi con banda laterale o elastico alla caviglia, satinati e decorati oppure morbidi, abbinati al blazer doppiopetto. Dettagli tecnici come bande orizzontali a contrasto, trapuntature e color block duettano con motivi etnici, sete e capi tradizionali, come la giacca cinese allacciata all’altezza del petto.