×

Editoriale

In questa tornata di sfilate, adolescenti e giovani in generale si confermano il pubblico d’elezione dei designer; anche Kris Van Assche non si sottrae all’irresistibile richiamo della gioventù e per Dior Homme manda in passerella una collezione che pur avendo in sé il DNA del fondatore, con richiami alla giacca Bar e ai motivi floreali, propone capi e combinazioni per accattivare le nuove generazioni. Lo stesso abito sartoriale, oltre ad essere indossato con le sneakers, è composto da blazer prevalentemente smanicati e avvitati con targhette e coccarde ‘promozionali’ su cui è riportato l’indirizzo della Maison, 3 Rue Matignon, applicate o appese su revers e/o maniche, mentre un nastro con la stessa dicitura percorre i profili delle giacche, anche di quelle sportive. Alternati ai pantaloni lunghi, shorts ultra-corti che quasi spariscono sotto il blazer, mentre tanti altri capi, come gilet, felpe e T-shirt senza maniche, sono realizzati in stile college, con righe e simboli sportivi.