×

Editoriale

‘Gran Premio’, il film del 1944 che lanciò l’undicenne Elizabeth Taylor, è citato tra le note di sfilata di Derek Lam e non è un caso, dato che lo sport di riferimento della collezione è l’equitazione, un’influenza già chiara dal primo look, una mantella blu scamosciata asimmetrica portata su calzoni ampi e accompagnata da una maxi-borsa che richiama il secchio per la biada. Ci sono poi maglie grafiche abbinate a pantaloni con bande laterali che ricordano l’uniforme dei fantini, gonne a matita trapuntate e altre con la sagoma del cavallo riprodotta a contrasto ma il focus resta sui capospalla, oltre che mantelle, lunghi coat con e senza cintura nei classici tessuti maschili o in una brillante tonalità ametista.