×

Editoriale

Anjelica Huston, Sissy Spacek, Isabelle Huppert, Stéphane Audran, sono tutte attrici e donne forti che Natacha Ramsay-Levi cita come icone ispiratrici della sua seconda collezione per Chloé. Il processo della designer per ricreare l’aura che emanavano consiste nel prendere abiti normali, ‘borghesi’, come shirt-dress e camicie, privandoli dei bottoni e aprendoli in profondi scolli a V; il risultato sono abiti fluidi a vita bassa che quasi si unisce con lo scollo enfatizzato da una collana pendente, con gonne a fazzoletto portate su collant logati. Se il modello resta lo stesso, variano i dettagli, a volte cut-out laterali, altre ricami oppure stampe grafiche allover dal sapore vintage. Le camicie, invece, si portano dentro o fuori pantaloni jodhpur zippati sul fondo, con blazer allungati o con sotto il dolcevita.