×

Editoriale

Dopo supermercati, bistrot e aeroporti, cosa mancava a Karl Lagerfeld se non una gigantesca Banca Dati piena di led luminosi e cavi colorati, dove far sfilare le sue signore Chanel o meglio le sue ragazze, dato che la collezione pare parlare, per stile e dettagli, alle Millennials come Lily-Rose Depp, nuova musa della Maison. Gli iconici tailleur si fanno over, hanno bordi a contrasto, fasce in velcro e dettagli in caucciù al posto dei soliti bottoni, gonne con cerniere frontali e si portano sulla lingerie a vista e con cappellini da baseball girati di lato. I colori fluo dei fili dei server diventano fantasie che decorano giacche strutturate e abiti fluidi con orli a fazzoletto, mentre maxi-orecchini, medaglioni, fili di perle e cinture a catena sono il giusto complemento al vortice multicolor tutto tweed, pizzo, cristalli e plastica di Casa (Lagerfeld) Chanel.