×

Editoriale

Se nella scorsa stagione erano le cascate della Gola di Verdon a occupare lo scenario della sfilata Chanel, in questa, a tema con l’autunno, è una foresta con un tappeto di foglie che si rivelano essere, per colore e forma, uno dei motivi dominanti della collezione. Karl Lagerfeld non fa mistero del suo amore per la natura e qui ne celebra il suo lato più introspettivo e insieme romantico, aprendo la sfilata con una serie di lunghi cappotti mono e doppiopetto dalla vaga silhouette edwardiana, decorati in alcuni casi da piume su bordi e maniche. I classici tailleur si presentano in versione abito abbottonato con tasche all’altezza dei fianchi oppure con gonna lunga, con le giacche che si accorciano e si allungano a seconda delle proporzioni e maxi-colli knitwear abbinati. E poi ancora cappotti, con colletti e polsini a contrasto o maniche a sbuffo con grandi risvolti, mentre long dress dal sapore vittoriano portati con lunghi guanti metallizzati, completi e blazer si arricchiscono di motivi a foglia dalle tonalità intense. In perfetta linea con i trend del momento, Lagerfeld inserisce anche piumini e tracksuit con felpa zippata asimmetrica con cappuccio.