×

Editoriale

Chalayan si mantiene fuori dal coro anche con quest’ultima collezione che ha una vena polemica nei confronti della dipendenza dai social media e dalla cultura dei ‘like’ e che, piuttosto che ispirarsi a questo o quello, prende spunto soltanto dalla vena creativa del designer stesso che afferma “faccio ciò che sono”. Chalayan propone così i capisaldi di sport e streetwear come felpe, giacche zippate con cappuccio, shorts, pantaloni baggy, caratterizzati da tagli che ‘sbucciano’ il tessuto, inserti di rete, bretelle che rendono le lunghezze regolabili. Le camicie si arricchiscono di bottoncini sulle maniche o di nastri che attraversano la superficie e/o ancora di lacci volanti, mentre certe giacche hanno le fattezze di un kimono. Predominano le tinte basiche e il monocromo con qualche accenno di stampa rappresentata da foglie delicate. Ai piedi sneakers di tela.