×

Editoriale

È una Cuba graficamente stilizzata quella che va in scena da Chalayan, che ripesca dalla British Library un carattere a righe spezzate chiamato ‘Plonk’ e lo riadatta in connubio con forme geometriche colorate rendendo le stampe sulle t-shirt simili ad uno strano codice cifrato. Ma spionaggio e guerra fredda sono tempi ben lontani, quindi meglio celebrare ciò che dell’isola è ancora un simbolo, come il sigaro, qui infilato in simil-fondine applicate sulle maniche o sul davanti di camicie, canotte e giacche zippate o come la musica e il ballo, rappresentati da figurine danzanti jacquard. Ancora riferimenti con l’uso della tinta tabacco per un abito dallo stile militare, con la casacca multi-tasche abbinata ai bermuda, mentre il foulard stampato legato al collo è il giusto complemento per questo look da turista raffinato.