×

Editoriale

La collezione di Olivier Rousteing per Balmain si presenta come la prosecuzione ideale dell’ultima maschile ovvero dominio del bianco e nero e omaggio alla Francia, con le righe della marinière in versione paillettata o in bouclé sfilacciato su top, abiti e gonne sinuosi che esaltano la femminilità senza mezze misure. Le silhouette sono elaborate, ricche di embellishment come piume, volant, frange, cut-out malandrini, applicazioni luminose, inserti a contrasto, il più delle volte inseriti in trame metalliche che enfatizzano l’effetto iridescente. Si aggiunge poi un gioco di sovrapposizioni che vede long dress a rete a vista sull’intimo, maglie extralong su pantaloni skinny in vernice infilati in cuissard di pelle, giacche frangiate su minidress metallici, un alto tasso di sensualità e di glamour che conferma l’estetica cui Rousteing ha abituato il proprio pubblico.