×

Editoriale

Per il suo debutto parigino Altuzarra riscopre le proprie radici francesi da parte di padre e le mixa ispirandosi al film d’animazione giapponese ‘Princess Mononoke’ sulla battaglia tra Natura e Uomo che consuma le sue risorse. Un tema di grande attualità tradotto in tecniche artigianali che evidenziano l’handmade, come il crochet usato per maglie e gonne che richiama i centrotavola nella casa di campagna della nonna francese del designer. Stampe floreali tagliate al laser e pizzo Sangallo duettano su abiti fluidi portati con doppia cintura in vita, altri abiti sono doppiati dalla rete e altri ancora hanno i bordi contornati da nappine o pompon o piccole frange, cui si aggiungono in certi casi strisce di tessuto pendenti. Le giacche sono in pelle metallica patchwork o in suede con inserti e chiusure a fettuccia, tutti elementi che enfatizzano l’aspetto artigianale e folk.